Cerca:    
Giorno: 21/11/2017  Ora
Login Form

Username:

Password:

Decreto Min. del Tesoro 8/06/99 n. 328 - emissione di titoli "di solidarietà"


"Regolamento recante norme di attuazione dell’ art. 29 del decreto legislativo 4 dicembre 1997 n. 460, concernente l’emissione di titoli da denominarsi di solidarietà".

ARTICOLO 1

1. I titoli da denominarsi "di solidarietà", di cui all’art. 29 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, sono titoli obbligazionari a tasso fisso non convertibili.

2. La differenza tra il tasso effettivamente praticato per l’emissione dei "titoli di solidarietà" e il tasso di riferimento, costituisce costo fiscalmente deducibile dal reddito d’impresa.

3. Il tasso di riferimento, di cui al precedente comma 2, è fissato in misura pari al rendimento lordo medio mensile delle obbligazioni emesse dalle banche (Rendiob), comunicato mensilmente dalla Banca d’Italia, aumentato di un quinto. Per le obbligazioni emesse nei primi quindici giorni del mese, si fa riferimento al rendiob comunicato nel mese precedente.

ARTICOLO 2

1. Il limite massimo del tasso effettivamente praticato al momento dell’emissione dei titoli di solidarietà è stabilito in misura pari al rendimento lordo medio mensile delle obbligazioni emesse dalle banche (Rendiob)

ARTICOLO 3

1. Sono abilitati all’emissione dei titoli di solidarietà: le banche come definite dal decreto legislativo 1/9/93, n.385; gli intermediari finanziari di cui all’ art. 107 del medesimo decreto legislativo.

2. I soggetti di cui al precedente comma hanno l’obbligo di:

a. destinare i fondi raccolti con le emissioni dei titoli di solidarietà esclusivamente al finanziamento delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (Onlus) o di intermediari bancari e finanziari, nella misura in cui tali fondi sono destinati, da parte di questi ultimi, al finanziamento delle Onlus medesime:

b. tenere per i fondi raccolti gestione separata, dalla quale devono risultare in modo chiaro e trasparente tutte le entrate e le spese connesse ai fondi medesimi. Per la conservazione delle scritture contabili e della relativa documentazione si osservano le disposizioni contenute nell’art. 22 del decreto del Presidente della Repubblica 29/9/73, n.600 e successive modificazioni.

1. Le disposizioni di cui alla lettera b) del comma 2. Valgono anche per gli intermediari bancari e finanziari di cui alla lettera a) del medesimo comma.

ARTICOLO 4

1. I soggetti di cui all’art. 3 entro il mese di marzo di ogni anno devono comunicare all’istituendo organismo di controllo di cui al successivo comma 2, le emissioni di titoli di solidarietà effettuate nell’anno precedente, nonché le conseguenti operazioni di finanziamento, le relative condizioni finanziarie e le Onlus destinatarie.

2. Le norme del presente regolamento avranno efficacia dal giorno della costituzione dell’organismo di controllo, di cui all’art. 3, comma 190, della legge 23/12/96, n. 662



 


Torna Indietro
Il parere dei nostri esperti

Problemi di gestione ed amministrazione?
Fai una domanda.
Consulta casi e questioni.

Agenda