Cerca:    
Giorno: 18/11/2017  Ora
Login Form

Username:

Password:

Circolare INPS n. 78 del 26/03/1997 - lavoro a tempo parziale


OGGETTO: Estensione ai soci lavoratori di cooperative di produzione e lavoro del regime contributivo previsto per il lavoro a tempo parziale (art. 5, comma 5, della legge 19.12.1984, n. 863).





DIREZIONE CENTRALE CONTRIBUTI

Roma, 26 marzo 1997

Circolare n. 78

  AI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI
 
PERIFERICI DEI RAMI PROFESSIONALI
  E PRIMARI MEDICO LEGALI

  AI COORDINATORI GENERALI, CENTRALI E

  AL COORDINATORE GENERALE MEDICO LEGALE

e, per conoscenza,

   AL PRESIDENTE

   AI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE
DI INDIRIZZO E VIGILANZA
CASSE
AMMINISTRATORI DI FONDI, GESTIONI E 

   AL PRESIDENTE E AI MEMBRI DEL CONSIGLIO

   AI PRESIDENTI DEI COMITATI 

   AI PRESIDENTI DEI COMITATI REGIONALI

   AI PRESIDENTI DEI COMITATI PROVINCIALI
produzione e lavoro del regime contributivo previsto per il lavoro a tempo parziale (art. 5, comma 5, della legge 19.12.1984, n. 863).

OGGETTO: Estensione ai soci lavoratori di cooperative di

     Il Ministero del Lavoro e della previdenza sociale con telex n. 5/25558/70/Sub/PT del 7.3.1997, indirizzato alle Direzioni regionali e previdenziali del lavoro ed agli enti previdenziali, ha chiarito che - in relazione all'impatto positivo della riduzione degli oneri sociali ai fini dell'incremento occupazionale e degli indirizzi della più recente giurisprudenza della Suprema Corte in materia (v. Cass. Sez. lavoro 00638 del 22.01.1997) - le agevolazioni contributive previste per il lavoro subordinato a tempo parziale (art, 5, comma 5, D.L. 726/84, convertito con modifiche nella legge 863/84) trovano applicazione anche con riguardo ai soci di cooperative di produzione e lavoro che prestino la loro attività sociale con orario ridotto, nell'osservanza delle condizioni prescritte dal comma 2 del citato art. 5.

     Ciò in considerazione del fatto che per una generale "fictio iuris", propria della materia previdenziale, ai fini contributivi la cooperativa e' considerata datrice di lavoro dei propri soci.

     Sulla base delle precisazioni ministeriali le cooperative potranno, pertanto, adempiere alla contribuzione di previdenza e assistenza sociale per i soci lavoratori a part-time in conformità a quanto previsto per i lavoratori dipendenti, tenendo, altresì, presente che la disposizione di cui all'art. 5, comma 5, della legge n. 863/1984, in materia di retribuzione minima imponibile, e' stata modificata dall'art. 1, comma 4, del D.L. 9.10.1989, n. 338, convertito dalla legge 7.12.1989, n. 389. (v. circolare n. 68 del 10.4.1989.

     Al momento, peraltro, stante la necessità di adottare criteri di raccordo del principio di cui sopra con il sistema vigente per categorie di cooperative che versano la contribuzione su retribuzioni convenzionali, la direttiva di cui sopra e' immediatamente operativa per le cooperative che non adottano salari convenzionali.

     Si fa, invece, riserva di ulteriori indicazioni per gli organismi disciplinati dal D.P.R. 30.4.1970, n. 602 o in genere per quelle cooperative per le quali sono stabilite retribuzioni convenzionali, dopo gli opportuni approfondimenti per i quali e' stato interessato il predetto Ministero.

                         IL DIRETTORE GENERALE

                              TRIZZINO



 


Torna Indietro
Il parere dei nostri esperti

Problemi di gestione ed amministrazione?
Fai una domanda.
Consulta casi e questioni.

Agenda