Cerca:    
Giorno: 20/11/2017  Ora
Login Form

Username:

Password:

Ammissibilità esecuz. contratto di apprendistato con soci lav. (circ. 22/1/01).


MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE
DIREZIONE GENERALE DEI RAPPORTI DI LAVORO
Divisione V

Prot. N. 5/25212/90/APPR
Roma, 22 gennaio 2001

LETTERA CIRCOLARE B/2001

O G G E T T O: condizioni di ammissibilità dell’esecuzione del contratto di apprendistato con soci lavoratori.



Alle Direzioni Regionali e
Provinciali del Lavoro
Settore Ispezione
LORO SEDI

e, p.c. DIV. VII AA.GG.
e Personale
Coord. Isp. Lavoro
SEDE

Per opportuna conoscenza e con preghiera di informarne i Servizi Ispezione delle Direzioni provinciali, si trasmette la nota n. 5/25202/90APPR del 22.01.2001 gennaio c.a. con la quale viene fornito riscontro a una questione applicativa posta dalla D.P.L. di Verona. 

                                                                                               IL DIRIGENTE
                                                                                     (Dott. Giuseppe De Cicco)


__________________________________________________________________

Alla Direzione Provinciale del Lavoro
Ufficio di Direzione
VERONA

Prot. N. 5/25202/90/APPR.
Roma, 22 gennaio 2001

O G G E T T O: Risposta a quesito inerente qualificazione di lavoratori subordinati, e in particolare di apprendisti, ai soci di coop. M.A.G. Service s.r.l.

    Si riscontra la nota n. 23805, pervenuta il 5 dicembre scorso, con la quale viene riproposta per competenza la questione tuttora problematica dei limiti del processo di assimilazione tra i soci delle cooperative – sempre che prestino attività per conto o a favore della cooperativa stessa – e i lavoratori subordinati, attesa l’estensione ai primi, operata dal legislatore, di istituti e discipline tipici del regime giuridico dei secondi. La qual cosa, peraltro, non ha vulnerato il principio anche ribadito dalla giurisprudenza che il rapporto tra socio lavoratore e cooperativa abbia connotazioni del tutto particolari, derivanti dalla circostanza che l’attività svolta trova la sua giustificazione nell’adempimento del contratto societario, salvo che detta attività vi risulti estranea . In tal senso, vedasi inoltre la lettera circolare n. 5/28324 del 24.11.2000.

    Ciò posto, precisato che il quesito verte in particolare sull’ammissibilità dell’esecuzione di contratto di apprendistato da parte di un socio, allo stato della legislazione di riferimento si concorda nel parere espresso da codesta Direzione in ordine alla inconferenza della costituzione dello speciale rapporto nel caso in cui le prestazioni siano riconducibili al patto sociale e, pertanto, non imputabili alla causa mista, funzionale al conseguimento di una qualifica professionale. Al contrario, nulla osta all’utilizzo di tale modalità occupativa nella differente ipotesi che il socio sia chiamato a svolgere prestazioni difformi dall’oggetto societario. 

                                                     IL DIRETTORE GENERALE
                                            (Dott.ssa Maria Teresa FERRARO)



 


Torna Indietro
Il parere dei nostri esperti

Problemi di gestione ed amministrazione?
Fai una domanda.
Consulta casi e questioni.

Agenda