Cerca:    
Giorno: 19/11/2017  Ora
Login Form

Username:

Password:

Decreto 7 dicembre 2004 - MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE


Il Ministro delle Attività Produttive

VISTO l’articolo 7 della legge 3 aprile 2001 n. 142;

VISTO il D.Lgs.vo del 2 agosto 2002 n. 220;

VISTO il D.M. 7 ottobre 1997; VISTO il D.M. 16 aprile 2003;

RITENUTO opportuno modificare il criterio di determinazione degli importi da corrispondere agli impiegati incaricati di effettuare le revisioni agli enti cooperativi non aderenti alle Associazioni nazionali di rappresentanza, assistenza e tutela del movimento cooperativo, nella direzione della trasparenza e dello snellimento dei procedimenti;

CONSIDERATO che l’attività di vigilanza è tanto più complessa quanto maggiori sono le dimensioni dell’ente assoggettato a revisione e tanto più gravosa quanto maggiore è la distanza della sede sociale della cooperativa dalla sede di servizio del revisore;

RITENUTO di correlare la determinazione degli importi a parametri relativi al numero dei soci, al capitale sociale ed al valore della produzione degli enti cooperativi da sottoporre a revisione, si è inteso individuare un criterio oggettivo riferendosi alle quattro fasce contributive in cui è attualmente articolata la disciplina della determinazione dei contributi biennali di revisione maggiorando gli stessi importi anche in relazione alla distanza della sede legale delle cooperative sottoposte a revisione dalla sede di servizio del revisore.

Inoltre, analogamente a quanto previsto per la definizione del contributo, si è ritenuto di differenziare la determinazione del compenso per alcune specifiche tipologie di enti cooperativi.

DECRETA

ART. 1: A decorrere dal 1 gennaio 2005, gli emolumenti spettanti ai revisori per l’attività di vigilanza sono liquidati, percentualmente al contributo dovuto, secondo le seguenti modalità:

a. Per le revisioni relative agli enti cooperativi di cui alla fascia a) in misura del 60%

b. Per le revisioni relative agli enti cooperativi di cui alla fascia b) in misura del al 30%

c. Per le revisioni relative agli enti cooperativi di cui alla fascia c) in misura del 25%

d. Per le revisioni relative agli enti cooperativi di cui alle ulteriori fasce in misura del 20%.

Gli importi come sopra determinati sono maggiorati del 15 % per revisioni effettuate nei confronti di enti cooperativi aventi sede sociale fuori dal territorio del Comune in cui è la sede di servizio del revisore o in frazioni comunali distanti almeno 20 Km dalla stessa.

Se la sede sociale della cooperativa si trova in Comuni distanti oltre 60 Km dalla sede di servizio viene invece applicata una maggiorazione del 25%.

In occasione di accertamento ispettivo a seguito di diffida il revisore percepirà un compenso pari al 40% degli importi come sopra determinati.

ART. 2: In caso di revisione a cooperative ispezionabili annualmente, gli importi come individuati all’articolo 1, sono maggiorati del 25%.

ART. 3: In caso di revisione a cooperative edilizie, gli importi come individuati all’articolo 1, sono maggiorati del 10%.

ART. 4: In caso di revisione a cooperative edilizie iscritte all’Albo di cui all’art. 13 della L. 59/92 che abbiano realizzato o avviato un programma edilizio, gli importi come individuati all’articolo 1, sono maggiorati del 30%.

ART. 5: In caso di revisione a cooperative sociali, gli importi come individuati all’articolo 1, sono maggiorati del 15%.

ART. 6: Nel caso non sia possibile effettuare la revisione, ovvero l’accertamento su diffida, prescindendo dall’effettiva determinazione del contributo dovuto dall’ente, si riconosce al revisore un compenso pari rispettivamente al 35% e 17,5% del contributo biennale dovuto dagli enti cooperativi di cui alla fascia a).

ART. 7: Tutti gli importi determinati con le suddette modalità vanno arrotondati all’unità di euro. Detti emolumenti hanno natura retributiva e sono al lordo delle ritenute previdenziali ed erariali a carico del dipendente.

ART. 8: La spesa relativa graverà sull’apposito Capitolo del Bilancio del Ministero delle Attività Produttive.

PER IL MINISTRO
IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO

Roma, 7 dicembre 2004

F.to GALATI



 


Torna Indietro
Il parere dei nostri esperti

Problemi di gestione ed amministrazione?
Fai una domanda.
Consulta casi e questioni.

Agenda