Cerca:    
Giorno: 17/11/2017  Ora
Login Form

Username:

Password:

PRIMA FESTA URBANA DI RACCOLTA DELLA MEMORIA

COMUNICATO STAMPA

INVITO    comunicato stampa (versione pdf stampabile)

Il Progetto “Memoria Minerale” entra nel vivo delle sue attività e lo fa sabato 6 Ottobre dalle ore 17.00 in via Castello con una Festa urbana di raccolta della memoria.

L’evento è organizzato dalla Fondazione G. Di Vittorio in collaborazione con i Partner di progetto e prevede una serie di originali momenti di partecipazione che si susseguiranno sino alle ore 22.00.

Si parte alle 17,00 con il Laboratorio di Antichi giocattoli a cura di Auser e Thalassia, una vera officina di strada per costruire e giocare come quando le mani sapevano dal nulla creare. Sono ben accetti bambini con i nonni e chiunque ricordi antichi giochi da costruire!

Alle ore 19,00 si continuerà con la Proiezione di Videodocumentari a cura di Paola Crescenzo e Daniele Guadalupi dove i due registi realizzeranno anche videointerviste sul posto, mentre alle ore 19,30 avrà luogo un Dibattito aperto con il pubblico per riflettere sul concetto di memoria nella città, a cura di Simonetta Dellomonaco (Coordinatore Generale del progetto) e Luigi D'Elia. Nel corso del dibattito saranno presentati i Laboratori di Teatro, Cinema e Artigianato artistico ed i più giovani potranno prenotare un colloquio per partecipare al laboratorio gratuito di cinema. Insieme agli ospiti in programma sono invitati a prendere parte alla discussione tutti i cittadini che vogliono contribuire alla ricerca.

Alle ore 20,00 l’Auser proporrà la Degustazioni di cibi tipici della tradizione locale, preparati rigorosamente con prodotti a km0, e la Raccolta delle Ricette con un vivo dialogo tra le donne della città che metteranno in comune il loro sapere culinario. A seguire, la festa urbana si concluderà con i Racconti brevi di Cieli e Paesi (ore 21:00) con Luigi D'Elia e Alessandra Manti. 

Si tratta di un momento importante per l’identità della città di Mesagne a cui tutti i cittadini sono invitati a partecipare per costruire insieme la Banca Cittadina della Memoria – spiega il Presidente della Fondazione G. Di Vittorio Damiano Franco. L’obiettivo della Banca della Memoria ed in particolare di questa prima Festa della Raccolta – continua il Presidente - è quello di raccogliere documenti e testimonianze di vario genere che serviranno a costruire uno spazio culturale, sia fisico che virtuale, che possa raccontare e custodire, attraverso un prezioso patrimonio documentario, la storia dei luoghi e della popolazione mesagnese”.

Per partecipare attivamente alla Festa di Raccolta della Memoria è possibile portare una ricetta, una foto, una storia che non si vuole bada perduta, affinché possa essere custodita nella Banca della Memoria allestita presso la sede dell'Associazione G. Di Vittorio. Nel corso della serata sarà allestita una postazione per le riprese video per la realizzazione di videointerviste, raccolta di racconti, storie, miti, leggende. 


Per info: ufficio stampa “Memoria Minerale” Serena Mingolla per l’Associazione Conchiglia serena.mingolla@cboxstudio.it - facebook/MemoriaMinerale e twitter @MemoriaMinerale

ALTRE INFO

Memoria Minerale” è co-finanziato da Fondazione con il Sud nell’ambito del Bando Storico-Artistico e Culturale 2011. Il Consorzio fra Cooperative Elpendù è il Soggetto Responsabile del Progetto.

I Partner

Elpendù - Consorzio fra Cooperative Sociali Elpendù SCRL. Soggetto Responsabile con la funzione di coordinare i rapporti tra i diversi soggetti della partnership e la Fondazione per il Sud, oltre che della gestione trasversale di tutte le attività di progetto che riguardano l’inclusione sociale dei disabili, degli immigrati, dei soggetti a rischio di devianza nel territorio.

Auser - Associazione di volontariato per la valorizzazione di risorse anziani. Soggetto Partner con la funzione di trasmettere in maniera diretta il sapere proveniente dalla tradizione orale dei luoghi.

Fondazione Di Vittorio - Associazione culturale, Soggetto Partner che si occupa di conservazione storica e culturale. Grazie alla sua esperienza nel saper cogliere gli aspetti salienti dei passaggi storici, si occuperà di creare una banca cittadina della memoria identitaria con l’ausilio dei più moderni strumenti multimediali.

Thalassia - Cooperativa di lavoro. Soggetto Partner che grazie alla sua conoscenza del territorio e alla lunga esperienza nell’organizzare eventi teatrali e culturali volti alla valorizzazione dei valori intrinseci dei luoghi e delle storie che ad essi appartengono, svilupperà un percorso di animazione culturale del centro storico a partire dalla sede di progetto, con un’azione mirata al recupero dei valori identitari e culturali della popolazione attraverso la forma teatrale e della scrittura creativa.

CNA - Ente di formazione. Soggetto Partner che si occupa di sviluppare un’attività di laboratori creativi finalizzati alla creazione di un percorso cha va dall’inclusione sociale di soggetti a rischio di devianza, giovani disoccupati, portatori di handicap, alla creazione di un incubatore creativo finalizzato al recupero degli antichi mestieri legati all’artigianato artistico.

Conchiglia - Associazione di promozione sociale. Soggetto Partner che si occuperà di creare un percorso di comunicazione, promozione e marketing territoriale, finalizzato anche all’incremento del turismo e alla promozione dei valori storico-testimoniali del contesto locale.

Il Progetto

Voci di strada” - A partire dal bene ristrutturato e reso fruibile, un gruppo di artisti provenienti da esperienze differenti guida e coordina un processo di arte pubblica con l’obiettivo di ricucire una cesura storica e generazionale e ricercare, immaginare, rintracciare una nuova identità della Città. L’obiettivo è quello di confondere i confini tra i linguaggi artistici, trasformare il rapporto tra artista e fruitore dell’opera non creando “spazi per l’arte”, ma “contenuti d’arte” favorendo l’incontro tra attori e panettieri, artigiani e videomaker, anziani e scrittori, artisti e immigrati. Il processo diventa quindi collettivo e generato dal basso, l’artista diventa la Comunità intera che si ferma, riflette e si racconta.

Saperi e Sapori” - feste della raccolta e della permanenza della memoria. Quattro feste cittadine nel centro storico danno il via alla fase di partecipazione e ricerca collettiva sul territorio, coinvolgono in maniera mirata tutti i protagonisti della Memoria dei luoghi e i loro conoscenti ed eredi. Quattro eventi durante i quali vengono raccolte testimonianze in forma di video interviste, questionari, raccolta materiale documentale. Occasioni per tramandare il sapere, anche quello culinario delle donne che si confrontano su ricette, ingredienti e preparazioni antiche. Un percorso creativo di ricostruzione partecipata della memoria identitaria, sentimentale e poetica dei luoghi per coinvolgere l’intera popolazione nel processo di riflessione, ricognizione e raccolta.

Banca Cittadina della Memoria” - La Banca della Memoria capitalizza e custodisce il sistema di permanenza della memoria identitaria dei luoghi attraverso diverse forme di ricostruzione storica e storico-documentale. Sarà creato un portale web interattivo consultabile ed aggiornabile, sarà installato un totem multimediale all’esterno dell’immobile in cui poter consultare il portale e aggiungere dati depositando tramite una chiavetta di archiviazione USB il proprio contributo in maniera diretta. Tutti i dati, il materiale aritstico ed il materiale documentale prodotto saranno “georeferenziati” su una mappa interattiva del centro storico, in modo da formare una città virtuale in cui possano coesistere passato, presente e futuro con un sistema di narrazione dinamico.

Laboratori urbani - Rappresentano la fase di lettura e costruzione dei materiali raccolti. Questo processo segue diversi linguaggi (teatro, arti visive, cinema, scrittura,…) e di volta in volta diventa processo creativo ma anche laboratori urbani condotti dai diversi artisti dello staff. La fase di formazione ha come residenza stabile il bene ristrutturato che diventa così residenza artistica/culturale del progetto.

LABORATORIO TEATRO/HANDICAP “Città invisibili” - Condotto da Enzo Toma, regista e formatore teatrale. LABORATORIO DI SCRITTURA “Il racconto di un luogo”. Condotto da Francesco Niccolini, drammaturgo, scrittore e regista. LABORATORIO PER VIDEOMAKER “Di questo luogo il sentimento” Condotto da Paola Crescenzo, regista e giovane video maker, e Daniele Guadalupi. Daniele Guadalupi, diplomato presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna con una tesi sulla fotografia di famiglia e il suo utilizzo nell’arte contemporanea, è coordinatore di un progetto analogo in corso nella Città di Milano, Foresta Nascosta. LABORATORIO PER ANIMATORI CULTURALI “Musei sentimentali di una città” condotto da Luigi D’Elia, direttore artistico degli eventi della cooperativa Thalassia e Antonio Catalano poeta, attore, artista. Nuove realtà economiche legate al mondo dell’arte e della cultura potranno nascere sotto il segno delle memorie identitarie della città, sia formando una vera e propria compagnia teatrale, sia tramandando il sapere acquisito in nuovi percorsi formativi rivolti ai giovani cittadini.

Le mani per la città” - Artigianato Artistico - Attività laboratoriali di Piccola sartoria - Ricamo e uncinetto - Cartapesta - Lavorazione artistica della pietra - Lavorazione del cuoio e delle pelli - Lavorazione del legno e del ferro. Orientamento e accompagnamento alla creazione d’impresa e al trasferimento dei saperi ad altri, consentono di acquisire conoscenze e competenze che possono avere una realistica ricaduta occupazionale. Di fondamentale importanza sarà la partecipazione, in qualità di docenti ed esperti, di artigiani associati alla CNA: oltre alla loro competenza ed esperienza, gli artigiani potranno dare un contributo decisivo anche donando, nell’ambito dell’intervento progettuale, materiali e strumenti di lavoro nuovi oppure ormai obsoleti o inutilizzati a causa di dismissione delle attività imprenditoriali in seguito a pensionamento o ad altre motivazioni. Tali interventi vanno ad inserirsi in un quadro più ampio di riqualificazione produttiva, che risulti sostenibile con le vocazioni economiche territoriali. Alla fine del processo formativo i nuovi artigiani potranno riunirsi in forme consortili per formare un unico marchio di artigianato artistico mesagnese.

Mesagne città aperta” - azione di inclusione sociale dei soggetti svantaggiati che vivono la città. Il concetto di accessibilità rilegge la città e i suoi luoghi in chiave tecnologica dal punto di vista informativo dei siti. Gli utenti in situazione di svantaggio fisico e/o motorio saranno in grado, grazie al sistema messo a punto dal Consorzio Elpendù, di poter pianificare la visita ai luoghi-bersaglio del progetto sulla base delle proprie esigenze di viaggio, verificando attraverso un portale informativo l’accessibilità connessa alla visita della struttura (accessibilità per persone diversamente abili dei luoghi di interesse artistico, delle infrastrutture e dei trasporti per raggiungere il bene, verifica di bagni accessibili nei dintorni, verifica di ristoranti, alberghi accessibili e con servizi particolari come ad. es. prodotti per celiaci, servizi di pubblica utilità e di emergenza).

Giunto in loco il “viaggiatore con esigenze speciali” dotato di smartphone e di un apposito software messo a punto e fornito dal Consorzio Ependù e consultabile anche dal totem multimediale, potrà ottenere informazioni su alcuni punti in particolare del centro storico in tempo reale, ed eventualmente essere orientato verso determinati punti di interesse individuati, inizialmente in via sperimentale, dal gruppo di lavoro del progetto.

[Torna indietro]

Il parere dei nostri esperti

Problemi di gestione ed amministrazione?
Fai una domanda.
Consulta casi e questioni.

Agenda