Cerca:    
Giorno: 19/11/2017  Ora
Login Form

Username:

Password:

Intervento dell'Avv. Andrea Silvestri
Assessore Regionale alla Formazione, al Lavoro e CooperazioneInterventoSilvestri

La Regione segue con grande attenzione il fenomeno cooperativistico, che rappresenta un momento fondamentale dell’economia pugliese. Sia che si tratti di cooperative produttrici di servizi o che si tratti di quelle finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, anno dopo anno assistiamo a un trend di crescita costante: aumentano gli addetti, ma cresce anche il livello qualitativo dei servizi offerti e il tipo di scelte imprenditoriali compiute da esse.

Secondo i dati emersi da una analisi che stiamo svolgendo in queste settimane, crescerebbe in maniera particolare il numero delle cooperative di inserimento lavorativo, che fino a pochi anni fa rappresentavano una quota molto limitata del fenomeno cooperativistico. Le cooperative si starebbero orientando verso una progressiva estensione del proprio ambito di attività: ai destinatari tradizionali, che poi sono quelli indicati dalla legge 381/91, le cooperative vanno aggiungendo ad esempio i disoccupati di lungo periodo, i giovani in cerca di prima occupazione o gli adulti con qualifiche obsolete. Così come, per ciò che riguarda il tipo di attività di cui si occupano, parrebbe che alle attività più tipiche dell’inserimento lavorativo, le cooperative stiano affiancando sempre più la promozione e la gestione di lavori socialmente utili, l’accompagnamento al lavoro, la formazione.

Proprio per la vitalità di questo fenomeno nei mesi scorsi si è insediato presso il mio assessorato un gruppo di lavoro che dovrà produrre ipotesi di modifica dell’attuale legge regionale che disciplina la materia e che risale al 1988.

Ma non solo. Nello scorso mese di luglio ho sottoscritto un Protocollo d’intesa con il sottosegretario alle Attività produttive, on. Giuseppe Galati, per la creazione di nuove imprese cooperative in Puglia. La scommessa che abbiamo fatto è che si possa pensare di formare giovani in cerca di occupazione per incanalarne le idee imprenditoriali in una assistita costituzione di cooperative e conseguentemente portare alla creazione di nuovi posti di lavoro. Con uno slogan abbiamo detto: "100 nuove cooperative per 1000 nuovi posti lavoro". Il progetto, in particolare, intende favorire lo start-up di nuove imprese cooperative in Puglia, attraverso iniziative di formazione professionale appositamente progettate, favorisce la costituzione e l’avvio di nuove imprese cooperative, e alla formazione di aspiranti e neoimprenditori, con l’obiettivo di diffondere la cultura di impresa, sostenere la nascita di nuova imprenditorialità, sviluppare e arricchire le professionalità locali. E’ una iniziativa che si inserisce nell’ambito dell’azione di promozione di politiche attive del lavoro finalizzate allo sviluppo dell’occupazione e vedrà l’utilizzo sinergico di risorse finanziarie comunitarie, statali e regionali.

Importanti novità verranno anche dal nuovo Piano di riordino ospedaliero recentemente approvato e dall’istituzione del servizio 118, in particolare per ciò che riguarda la possibilità di esternalizzazione dei servizi, che potrà essere affidata appunto alle cooperative di servizi alla persona.

Credo fortemente nella potenziale efficacia imprenditoriale della forma cooperativistica, supportata da adeguati progetti di formazione professionale che potranno evitare le storture cui abbiamo assistito negli anni, e specialmente attraverso le risorse comunitarie della misura 3.11 per il sostegno allo sviluppo e al consolidamento dell’imprenditorialità. Ritengo che le cooperative siano la forma d’impresa che più agevolmente possa consentire di "tradurre" in impresa la ricerca di lavoro e di realizzazione professionale dei giovani della nostra regione.

In questo senso il servizio offerto dal portale elpendu.it possa rivelarsi quanto mai utile, come d’altronde è testimoniato dal numero elevato di accessi di visitatori.

Bari, 22 novembre 2002

Avv. Andrea Silvestri

Assessore regionale alla formazione professionale, alle politiche dell’occupazione e del lavoro, e alla cooperazione



Torna Indietro
Il parere dei nostri esperti

Problemi di gestione ed amministrazione?
Fai una domanda.
Consulta casi e questioni.

Agenda